Notice: WP_Scripts::localize è stato richiamato in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/admin/web/ypeople.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5775
Cosa vedere a Trento: le mura e le porte della città - Trento YPeople
Loading...

Cosa vedere a Trento: le mura e le porte della città

La parte storica della città di Trento è delimitata da mura duecentesche volute dal Principe Vescovo Federico Vanga (1207-1218), con lo scopo di dare  una maggiore sicurezza all’urbe. Tracce di queste mura sono ancora visibili in alcuni punti della città e, tra queste, la testimonianza più evidente la troviamo in piazza Fiera.

scorcio mura di piazza Fiera

Le mura duecentesche, che per Trento rappresentavano già la terza cinta muraria, si erano rese necessarie per inglobare i nuovi rioni che si erano nel frattempo sviluppati esternamente all’antica cinta muraria, come ad esempio,il borgo di Sorbano, intorno alla chiesa di San Pietro, e il borgo nuovo.

Come si diceva, la prima cinta muraria risale al III secolo d.C e custodiva la Tridentum romana. Durante il medioevo essa venne ampliata per incorporare l’arealimitrofa alla Basilica Vigiliana.

Le mura duecentesche garantivano l’accesso alla città, attraverso quattro porte principali: porta S. Martino, porta dell’Aquila, porta S. Croce e porta S.Lorenzo. Oltre a queste porte più blasonate, c’erano anche diversi accessi secondari.

 

Porta Margherita

Porta di Santa Margherita era parte della cinta muraria vanghiana.

La sua struttura architettonica è molto originale in quanto a doppio fornice: uno ad arco a tutto sesto e l’altro ad ogiva. Sopra la porta si erge un torrione scudato con in cima merli a coda di rondine.

La porta appare ora molto bassa per il suo parziale interramento causato dalle continue alluvioni del fiume Adige.

Uscendo da questa porta i trentini si recavano nelle aree agricole che si sviluppavano fuori dalle mura della città e a ridosso del fiume.

Analogamente, porta dell’Aquila, si presenta a doppio fornice e si affaccia su piazza Venezia, con un arco gotico, mentre su via dei ventuno si può notare un arco a tutto sesto.

Anche questa porta, originariamente, era sormontata da una torre scudata della quale se ne può leggere la traccia sulla muratura.

Porta dell’Aquila, da Piazza Venezia, con arco gotico

 

Porta dell’Aquila, da via dei 21, con arco a tutto sesto

Delle altre due porte, porta S. Croce e porta S. Lorenzo, si è a conoscenza dall’iconografia storica.

Risale alla prima metà dell’800 la demolizione della cinta  duecentesca e l’annessione della stessa nelle nuove costruzioni che, nel frattempo, erano sorte nel territorio circostante.

Un tempo le mura servivano per difendersi dal nemico e le porte per permettere il transito degli abitanti e dei visitatori. Un gioco di difesa e di apertura che Italo Calvino sembra cogliere bene in Città invisibili, quando dice che «le città, come i sogni, sono costruite di desideri e di paure».

Leggi anche:

Un college inglese sull’alpe della città

No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Loading...