Loading...

Cosa vedere a Trento: Mascheroni e Roste del Centro Storico

Ogni tanto è bello passeggiare nel centro della città di Trento, senza avere incombenze di qualche genere: acquisti da fare, appuntamenti di lavoro, momenti ricreativi, aperitivi con amici, ecc.

Abbiamo infatti la fortuna di avere una bellissima città che ci comunica storia e tradizioni in ogni suo angolo.

Cosa vedere a Trento: I luoghi della luna

Ho già raccontato, in un precedente articolo, del ruolo importantissimo degli affreschi, sulle facciate dei palazzi, come mezzi di comunicazione con il popolo fin dal medioevo.

Ora mi vorrei soffermare su due elementi architettonici, altrettanto significativi, che donano alle vie del centro di Trento un tocco di originalità e bellezza; mi riferisco ai “Mascheroni”, che decorano la chiave di volta di alcuni portali, e alle “Roste” rintracciabili sopra alcuni portali di case antiche.

I Mascheroni come guardiani contro i demoni

I mascheroni erano sculture o decorazioni che raffiguravano un volto umano stilizzato o deformato spesso con caratteristiche animalesche o con espressioni grottesche, beffarde o mostruose.

Mascherone

Queste strane facce, che nascono dalla fantasia di artisti e scalpellini, sembrano guardarci dalle loro posizioni di osservazione privilegiata  e vigilare sugli abitanti degli edifici, contro ogni avversità.

La loro funzione, infatti, oltre che ornativa, è anche apotropaica, ossia quella di allontanare o annullare un’influenza maligna attribuita ad amuleti, ad oggetti di vario tipo, ad atti oppure a formule negative.

Mascheroni a Trento

L’eleganza della Rosta

Spesso, dove c’è un mascherone si trova anche la Rosta che chiude l’arcata sopra il portone. Ma si può trovare anche da sola.

Rosta con decorazioni di angeli

La Rosta è un elemento architettonico costituito da una struttura  a grata, in legno o in ferro, posto sopra il portone di un palazzo che da accesso ad un andito.

La sua funzione voleva essere era decorativa ma soprattutto e principalmente funzionale in quanto permetteva di dare luce all’interno del palazzo pur mantenendo la sicurezza essendo il portone chiuso.

Un’eredità Longobarda

Il termine deriva dal longobardo hrausta “fascio di ramoscelli uniti insieme a guisa di ventaglio” per indicare la grata di metallo o legno posta a chiusura della lunetta che sormonta la porta.

Esempi di Roste nel centro storico di Trento

La Rosta è un classico esempio di funzionalità architettonica che, se  coniugata con la bellezza estetica, rappresenta sempre un valore aggiunto nel suo insieme.

Leggi anche:

Il Palazzo delle Poste di Trento: dal Rinascimento al Futurismo

Vinicio Capossela ad Arco in concerto: info, biglietti e orario

No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...