Loading...

Cosa visitare in Trentino: la valle di Loppio

Direi che la valle di Loppio è una perfetta ambientazione per un film Fantasy!

Lago di Loppio

La valle di Loppio

La valle di Loppio collega la val d’Adige alla valle dei Laghi partendo da sud, subito dopo Mori, per terminare a nord con il passo San Giovanni. La valle, inoltre, separa il gruppo del monte Baldo dal monte Stivo.

La valle è lunga poco meno di due chilometri con, al centro, il paese di Loppio, che è posto sulla riva sud del lago omonimo.

Il lago di Loppio

Nel 1956, durante i lavori per la costruzione della galleria  Adige-Garda, per riversare in quest’ultimo le acque del fiume durante le piene, venne intercettata la falda e il lago si prosciugò, ma rimane tuttora la più estesa area palustre della provincia di Trento.

Lago di Loppio

Con il tempo, l’ambiente si è consolidato, diventando palude ed è frequentemente invaso da abbondanti quantità di acqua.

Il  biotopo del lago di loppio

Dal 1987  è stato istituito ufficialmente il biotopo che ospita una vivace vegetazione, oltre alle erbe palustri  e una fauna selvatica come il rospo e altri anfibi

Il lago di Loppio, riserva naturale

Il sito archeologico

Il lago di Loppio è anche un importante sito archeologico. Infatti, sull’isola di Sant’Andrea, sono state trovate testimonianze della presenza di antichi abitanti come frammenti di vasellame di età romana e resti di una sepoltura con corredo funebre.

Il lago di Loppio come “portage”

Il “portage” era la pratica secondo cui venivano trasportate le imbarcazioni su terra, nel caso in cui servisse aggirare un ostacolo lungo il corso di un fiume o tra due corsi d’acqua.

Nel 1439 la Repubblica di Venezia utilizzò il lago di Loppio come “portage”, facendovi transitare un gran numero di navi dal corso dell’Adige, presso Rovereto, fino  al lago di Garda, presso Torbole.

Si trattò di una delle più grandi imprese di ingegneria militare che passò alla storia come “galeas per montes”.

Area paludosa valle di Loppio

La valle di Loppio è un passaggio quasi obbligato per tutti coloro che si recano nella parte nord del Lago di Garda. Lungo la valle sono noti diversi luoghi di ristoro sia per automobilisti/motociclisti sia per ciclisti. Questi ultimi possono godere del paesaggio fantasy della valle anche grazie alla bellissima ciclabile che costeggia il lago.

 

Leggi anche:

Palazzo del Diavolo

La ruota della Fortuna

Il Parco di Gocciadoro

No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...