Loading...

Orso in Trentino, il Ministro Costa: “No all’abbattimento”

“Perfino chi è stato aggredito ha lanciato lo stesso mio appello”

L’intuizione del ministro Costa, esternata una decina di giorni fa, si è rivelata vera: l’orso, protagonista di un lungo dibattito che ha preso piede anche fuori dal trentino, in realtà è un’orsa. Non si sa ancora se ha dei cuccioli e pertanto se la sua reazione sia stata scatenata per difendere i suoi piccoli. Ad ogni modo, sostiene Costa non è il caso di abbatterla, “non se lo merita”. “Perfino chi è stato aggredito ha lanciato lo stesso mio appello” sostiene il ministro partenopeo, che fra l’altro nella sua carriera  è stato anche comandante nel Corpo Forestale dello Stato.

Così il ministro dell’Ambiente in un post su Facebook esprime la sua opinione totalmente contraria all’abbattimento dell’orso, lanciando un avvertimento al Presidente della Provincia Autonoma di Trento, affinché si fermi, e sostenendo fermamente la sua idea secondo cui “ammazzare gli animali non possa essere la soluzione ai problemi”.

L’orsa che monopolizzato l’attenzione di tutti è molto probabilmente la figlia di Jurka, la pluriconosciuta orsa ribelle che nel 2007 venne catturata in seguito alle sue scorribande nel gruppo di Brenta, e tre anni dopo venne trasferita in Germani,a per essere poi rinchiusa all’interno di una riserva più ampia rispetto al recinto di San Romedio.

A quanto pare, la faccenda dell’orso non è ancora chiusa. Riusciremo a far cambiare idea al Presidente?

Leggi anche:

Comunicazione della Scuola Musicale Riccardo Zandonai

Comunicato della Giunta Provinciale riguardante eventi promossi

 
avatar
Sono una ragazza a cui piace essere informata su quello che accade ogni giorno
No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...